Sull’IMU a Urbino accolta la mia mozione

Sull’IMU a Urbino accolta la mia mozione

Comunicato stampa, 05 giugno 2012

“Penso che le proposte che la Giunta comunale di Urbino porterà all’esame del Consiglio comunale che si terrà il prossimo 12 giugno, sono positive ed hanno accolto anche una mia proposta. Per la prima casa e altri immobili, la Giunta arriverà con una proposta che prevede di poter applicare l’IMU al minimo.  Lo schema di Bilancio è predisposto sulle previsioni di gettito IMU e addizionale IRPEF tenendo conto delle seguenti aliquote:

  • 0,40% – 0,45%  abitazione principale
  • 0,91% – 0,96%  altri immobili
  • 0,76%  immobili locati a canone concordato e anziani ricoverati in case di riposo
  • addizionale IRPEF 0,8%

La mia mozione, che riprende anche una campagna da parte dell’associazione studentesca Agorà-Urbino (che ha raccolto, in poche settimane, circa 800 firme, segno dell’interesse attivo da parte della cittadinanza studentesca sul tema dell’IMU), prevedeva una certa attenzione all’IMU per evitare l’aumento degli affitti e prevedeva che l’Amministrazione comunale si dotasse di incentivi e disincentivi riguardo l’applicazione della nuova Imposta Municipale Propria, intervenendo per esempio con aliquote diverse per le seconde case (quelle che vengono affittate potrebbero avere un’aliquota più bassa rispetto a quelle non affittate).
Nella Mozione si impegnava la Giunta a mantenere l’aliquota sulla prima casa al 4 per mille ed a porre l’IMU con un’aliquota più alta per le seconde case sfitte, ovvero le abitazioni lasciate vuote e non affittate. Si riteneva potesse essere un provvedimento di equità, per non aggravare il peso fiscale ai cittadini che hanno una sola abitazione, i più a rischio in questa grave situazione economica. In questo modo si creerà una sorta di “mini-patrimoniale” dove chi ha di più paga di più. Un mix di giustizia sociale e equità, un suggerimento al governo attuale o un esempio per quello che verrà dopo. In attesa di una vera patrimoniale che porti a ridistribuire un po’ di ricchezza e a diminuire le disuguaglianze. In questa situazione di forte emergenza sociale si può e si deve fare.
Positivo che la Giunta abbia accolto anche queste sollecitazioni.

Federico Scaramucci
Consigliere comunale Urbino
Presidente Commissione Cultura Turismo Attività Produttive