Ordine del giorno su tagli alla legge n 448/1998, art. 27 e 62/2000 relativi alle borse di studio e libri di testo

Ordine del giorno su tagli alla legge n 448/1998, art. 27 e 62/2000 relativi alle borse di studio e libri di testo

Al Presidente del Consiglio Comunale e ai Capigruppo
Al Sindaco ed alla Giunta del Comune di Urbino

PREMESSO CHE

in questo momento di forte crisi economica e sociale, è stato reso noto che attualmente il capitolo del bilancio statale relativo ai fondi per le borse di studio e la fornitura gratuita dei libri di testo non è più finanziato, con la conseguente impossibilità per la Regione Marche di predisporre il decreto al fine di permettere ai comuni di emanare i relativi bandi; i nostri Comuni, i cui bilanci sono già provati dai tagli ai trasferimenti statali e dalla diminuzione delle entrate, non riusciranno a coprire con proprie risorse le misure di sostegno al diritto alla studio, che fin ora costituivano un trasferimento statale;

per l’A.S. 2011/2012 la Regione Marche ha emesso un decreto di pagamento ai Comuni per i libri di testo (n. 23 del 20/3/2012 della PF Istruzione, Formazione integrata, Diritto allo studio e Controlli di Primo Livello);

la Regione Marche, titolata all’indicazione degli indirizzi e alla distribuzione ai comuni dei fondi statali, per l’anno 2012, non sembra al momento avere le risorse necessarie per rifinanziare i bandi, poiché i relativi capitoli statali non sono stati rifinanziati, e se nessuno prenderà in carico tale problematica, si rischia  che per l’anno scolastico 2012/13 molte famiglie non avranno sostegno per le spese legate all’istruzione dei propri figli (ricordiamo che tali misure erano state predisposte per famiglie già in difficoltà con un ISEE fino a  10.632,94 euro, dunque il taglio lineare effettuato incide negativamente su chi già, prima della crisi, versava in condizioni economiche precarie ed ora rischia di vedersi negato un sostegno volto alla costruzione del futuro dei propri figli);

VISTO

CHE tali misure risultano essere concrete, trasparenti e di sostegno diretto ed efficace visto che le spese ammesse al rimborso devono essere tutte debitamente certificate esibendo fattura o scontrino fiscale;

CHE in questo momento di forte incertezza per il futuro, anche l’ANCI Giovane Marche insieme all’ANCI Marche si stanno muovendo in tal senso;

CHE essere amministratori in tempi di crisi comporta molte responsabilità e grande dedizione ed impegno, e ciò non può escludere naturalmente un forte lavoro per difendere le fasce più deboli della nostra società;

SI IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA

A sollecitare gli uffici regionali di competenza e gli Uffici Scolastici Regionale e provinciali affinchè le scuole secondarie di primo e secondo grado limitino  al massimo nuove adozioni di libri di testo;

A promuovere iniziative per il riuso e lo scambio solidale tra studenti dei libri, sensibilizzando anche le associazioni territoriali e di categoria;

A rivolgere un Appello a tutti le forze politiche locali e regionali affinché si provino ad individuare risorse disponibili nel bilancio regionale e, allo stesso tempo, si inviti lo Stato nella sede della Conferenza Stato-Regioni ad individuare le risorse all’interno del bilancio statale.

f.to
Federico Scaramucci
Consigliere Comunale