Facciamo chiarezza sulla Discarica di Cà Lucio, non possiamo avere paura delle prossime elezioni

Facciamo chiarezza sulla Discarica di Cà Lucio, non possiamo avere paura delle prossime elezioni

Comunicato stampa, 25 maggio 2013
QUI l’articolo sul Resto del Carlino

“FACCIAMO CHIAREZZA SU CA’ LUCIO, NON POSSIAMO AVERE PAURA DELLE PROSSIME ELEZIONI”

URBINO. Non si è mai fatto veramente chiarezza e la situazione ha creato molte preoccupazioni.

So che è una materia complessa, ma penso sia necessario un chiarimento da parte di tutti i soggetti coinvolti, perchè tutta la discussione sta diventando una mera strumentalizzazione politica di chi dice SI ALLA DISCARICA O NO ALLA DISCARICA.

Sarebbe facile dire subito NO ALL’AMPLIAMENTO, ma non ho posizioni ideologiche e nello stesso tempo NON CHIUDO GLI OCCHI.

Per prima cosa partiamo dalla raccolta differenziata: il Comune di Urbino si e’ impegnato nel suo mandato a promuovere la raccolta differenziata e portarla a livelli previsti dalla legge, (il 65 % entro il 2012). Purtroppo siamo ancora al 45 % e l’obiettivo non è’ stato possibile probabilmente a causa di diversi fattori, tra cui: un impegno culturale ancora scarso di noi cittadini nella raccolta differenziata in casa; una scarsa volontà della (Marchemultiservizi) nel promuovere ad Urbino e negli altri Comuni la raccolta porta a porta, che e’ l’unico sistema (come certificato da tutti gli studi di settore, come ammesso da moltissime amministrazioni locali che sono buone prassi nel settore, e come declinato anche dalla Provincia di Pesaro e Urbino e dalla Regione Marche) in grado di portare i livelli di raccolta differenziata dei rifiuti ai livelli previsti dalla normativa di settore.

In ultimo c’è stata anche poca pressione politica per perseguire tali obiettivi.

Anche se si sono svolti anche ad Urbino numerosi incontri tra Comune di Urbino, Provincia di Pesaro e Urbino, MarcheMultiservizi, rappresentanti di Cittadinanzattiva, Legambiente, Comitato cittadino per il Centro storico, in cui sono stati segnalati i dubbi sulla coerenza tra l’ampliamento di Cà Lucio e la drastica riduzione di rifiuti prevista nell’immediato futuro nel piano provinciale, è da segnalare tuttavia una certa mancanza di strategia comune tra i Sindaci per cercare di aumentare la raccolta differenziata, efficientare il servizio e migliorarne la qualità.

Ci sono poi molti dubbi sui costi di gestione della discarica, il traffico considerevole sulla Statale 73/bis di mezzi pesanti adibiti al trasporto di rifiuti con conseguente difficoltà di transito e possibilità di inquinamento dell’aria; ci sono molte segnalazioni dei cittadini della zona di Montesoffio anche su un elevato traffico di rifiuti industriali, smaltiti a Ca’ Lucio, provenienti da altre Regioni.

In definitiva quindi:

E’ NECESSARIO UN AMPLIAMENTO DI TALE PORTATA?nel rispetto del piano industriale di Marchemultiservizi, è effettivamente necessario oppure potrebbe essere meglio un ampliamento graduale in base ai risultati di raccolta differenziata che i Comuni raggiungono (potrebbe non essere necessario un ampliamento di tale portata se si raggiungono risultati considerevoli di RD)

OCCORRE effettuare controlli frequenti ed accurati su aria, acqua e suolo nella zona interessata dalla discarica e pubblicarne i risultati nei vari siti internet

OCCORRE proporre di utilizzare l’eco-indennizzo, spettante al Comune di Urbino, per i cittadini delle zone limitrofe, per incrementare la percentuale di raccolta differenziata e per diminuire le tariffe.

So che il Sindaco di Urbino si è impegnato a rafforzare il controllo della gestione della discarica e ad utilizzare parte dell’eco-indennizzo per diminuire la tariffa per le famiglie e le imprese. So bene anche che l’Assessore provinciale all’Ambiente, competente in materia, ha garantito la massima vigilanza da parte della Provincia e mi sembra interessante la proposta di utilizzare parte dell’eco-indennizzo per riqualificare la zona di Montesoffio (come forma di “risarcimento” per i cittadini della zona) e migliorare la pulizia e manutenzione del centro storico (per migliorarne l’immagine anche agli occhi dei turisti).

E BASTA TUTTE QUESTE FORME DI POPULISMO: il Comune di Fermignano ha raggiunto solo il 33 % di RD, quindi prima cerchi di migliorare la Raccolta differenziata e poi potrà esprimere posizioni forti su Cà Lucio.

E’ necessario chiarire definitivamente ai cittadini i dubbi riguardanti la discarica attraverso un ulteriore incontro tra tutti i Sindaci prima e poi tra i cittadini, i tecnici del progetto, i Sindaci e la Provincia di PU.

Federico Scaramucci

presidente della Commissione Cultura Turismo e Attività Produttive del Comune di Urbino



Download